Detox: cibi adatti e cibi da limitare

Detox: cibi adatti e cibi da limitare


Viviamo in un momento di forti stimoli. Siamo bombardati da informazioni più o meno corrette e non è semplice capire come dobbiamo
comportarci relativamente al cibo poiché il nostro istinto è meno reattivo di un tempo. Non siamo più in grado di capire se un cibo è o no adatto a noi e dunque ci affidiamo ad altri perla produzione e l’approvvigionamento di cibo, dovremmo ascoltare il nostro corpo e capire cosa è adatto al nostro benessere.

Un animale in natura sa perfettamente quale cibo è adatto a lui e quale no.

Non si pone mai la domanda “cosa mangio questa sera?”. Inoltre siamo l’unica specie sul pianeta che cucina il cibo. Poiché il nostro istinto è addormentato e il nostro gusto è totalmente drogato da spezie, sale e insaporitori industriali partiamo dal primo alimento fondamentale: l’acqua.

Acqua

L’acqua è l’elemento di cui siamo composti al 90%. Ogni nostro respiro ci fa perdere acqua e ogni altro processo fisico ne fa perdere ulteriore: è importante bere.
Quanto? La letteratura indica da 2 a 5 l al giorno. Pura o con aggiunta di limone fresco spremuto.
Ogni mattina appena sveglia/o prima di fare qualsiasi altra cosa bevi 500ml di acqua con 1/2 limone spremuto.

L’acqua è un potente diluitore, permette di eliminare le tossine dal nostro corpo lavandolo internamente e ripristinando le perdite di liquidi della giornata.

In una fase di detossinazione saranno dunque adatti tutti i cibi molto ricchi di acqua come vegetali e frutta crudi mentre sono da evitare cibi più intossicanti, le fonti “inquinanti” sia alimentari sia ambientali: cerchiamo di ridurre lo stress, di passare più tempo nella natura, di svolgere regolare attività fisica e di dormire adeguatamente.

Cibi intossicanti
Tutti i cibi concentrati, industriali, raffinati o complessi da digerire (carne e pesce, latte e derivati, uova, zucchero, alcool e droghe, stimolanti: caffè, the, zucchero, bibite, merendine, cibi confezionati, fritti, cibi molto conditi, glutine, ecc.).

Per alleggerire la digestione si possono seguire le regole delle combinazioni alimentari:

tratto da “le combinazioni alimentari” di H.Shelton

frutta sempre da sola, mai a fine pasto, possibilmente dello stesso tipo (acida-semiacida-dolce)
evitare associazioni di più tipologie di proteine, di cereali e proteine, di proteine e frutta, di car boidrati e frutta.
le migliori associazioni sono: verdure e proteine, amidacei e verdure.
Pomodori, peperoni, zucche, cetriolo, zucchine, gombo, melanzane sono frutt’ortaggi, e in fase di digestione si comportano spesso come un frutto e non come un ortaggio

I tempi di digestione si allungano molto per cibi elaborati, per avere una idea ecco uno schema di tempi digestivi medi:
PROTEINE 4 ORE
AMIDI 2-3 ORE
VEGETALI NON AMIDACEI 2-3 ORE
FRUTTI – VEGETALI 2-3 ORE
MELONI 15 MINUTI
FRUTTA ACIDA 1-1,5 ORE
FRUTTA ACIDULA 1,5-2 ORE
FRUTTA DOLCE 3-4 ORE

Quando il corpo incontra cibo adatto al suo benessere risponde molto velocemente, già dopo pochi giorni è possibile sentirsi in forma.

Se vogliamo velocizzare il processo di “pulizie” possiamo accelerarlo limitandoci a consumare per un periodo solo cibi liquidi: frullati, succhi, acqua, questi periodi possono essere chiamati digiuni idrici e comprendono anche il digiuno lunare.

Altri modi per pulirci internamente sono idrocolon terapia, lavaggi intestinali e lavaggio con acqua e sale.